Discriminazione di Stato: “Aboliremo le unioni civili”

Sono usciti allo scoperto per cavalcare gli slogan dei cattofascisti e ingraziarsi i voti dei tanti cittadini che in questi anni hanno spaventato a suon di bufale.

Il centrodestra ha gettato la maschera. Dopo le dichiarazioni della fondamentalista cattolica Roccella e quelle di Meloni e Salvini, anche Berlusconi ha detto che metterà mano alle unioni civili.

Il fiore all’occhiello della legislatura uscente, la grande conquista dei diritti da parte dei cittadini omosessuali grazie a persone coraggiose e caparbie come Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice, potrebbe essere spazzata via per fare un favore alle gerarchie vaticane, ai fascisti ringazzulliti e agli analfabeti funzionali.

E’ sconcertante solo che utilizzino i diritti civili di una minoranza (che non è uguaglianza, ma almeno ci si avvicina) per fare propaganda. In un Paese sano, con valori quali il rispetto e l’uguaglianza chi osasse annunciare la reintroduzione della discriminazione di Stato verrebbe linciato, costretto a rinunciare alla sua candidatura con tanto di scuse. Da queste parti, invece, è probabile che la radicalizzazione delle opinioni trovando nella comunità LGBT un capro espiatorio per ogni problema farà da volano per la conquista della maggioranza parlamentare.

Siamo alle prese con una destra finta come la faccia del suo leader, un condannato che non può essere candidato e che non potrà diventare Capo del Governo. Un leader che ha trascinato il Paese nella peggiore crisi economica dal 1929 affermando con noncuranza ma quale crisi che i ristoranti sono tutti pieni!. Lui, che insieme ai suoi sgherri vuole far credere che l’Italia sia un far west in balia di bande di beduini criminali ospitati dalla Presidente della Camera Boldrini e dal Pd. Una stronzata talmente colossale che meriterebbe una pernacchia e invece trova consensi in frange ampie di italiani con la memoria più corta di un cardellino, beoti rincoglioniti dalla peggior cronaca di Retequattro, disposti a credere a ogni balla idiota letta sui social piuttosto che a quello che vivono quotidianamente.

Ma la realtà è un’opinione ed è più facile credere al pericolo gender, spauracchio buono per tutte le stagioni, invenzione dei cattofascisti che lo sventolano come la bandiera nera dei pirati all’assalto del buon senso. E la minaccia dell’ideologia gender funziona sempre, perché non esistendo è sfuggente e adattabile a ogni cosa.

Non si tratta semplicemente di essere ipocriti. E’ facile dire che Berlusconi (due matrimoni falliti, cene “eleganti” con minorenni e frequentazioni discutibili), Salvini (matrimonio fallito, convivenza fallita con figlio) e Meloni (figlio fuori dal matrimonio, convivenza) non sono certamente campioni della famiglia tradizionale di cui vorrebbero essere alfieri. Il punto non è la loro ipocrisia, che è evidente quanto ridicola. Il problema è proprio il coraggio spudorato di sostenere che una minoranza di cittadini debba essere discriminata e sia giusto che abbia meno diritti in virtù del suo orientamento sessuale.

Lo scandalo è questo, non la loro vita privata, che testimonia solo quanto la legge sul divorzio sia necessaria e intoccabile. Come puoi basare la tua azione di governo, gli impegni che buoi assumerti sull’abolire ciò che di buono hanno fatto gli altri prima di te? Stai vendendo fumo, anzi, gas tossici.

E la gente, quella gente che è pronta a votarli, è desiderosa di affidarsi a qualcuno che prometta la luna. Non gliene importa niente se è una promessa che puzza di marcio e se si dovrà passare sopra al cadavere degli altri. “Ci vuole pulizia”, “Quando c’era lui”, “Ha fatto anche cose buone”. C’è una tragica voglia di Mussolini che impesta l’aria e rende la politica irrespirabile. Se poi ci si mette anche la sinistra a candidare nemici della civiltà come Casini al posto del bravo Lo Giudice, con puntigli da bambini incapaci di fare una coalizione credibile, allora davvero c’è solo da sperare nel caos totale.

E sì, perché chiunque vinca si finisce male. Se vince il centrodestra ci ritroviamo i più corrotti, ipocriti, squallidi al potere. Se vince il Movimento5Stelle avremo a che fare con il festival degli incapaci, elefanti in negozi di cristallo che affermano di tutto e il contrario di tutto, che faranno danni su danni senza neppure rendersene conto.
E il centrosinistra, sempre più centro e meno sinistra è riuscito nell’incredibile risultato di bruciare la credibilità ottenuta con una seppure timida rinascita economica, troppo impegnata a litigare tra vecchi matusa e giovani rampanti per rendersi conto che il Paese allo sbando li sceglieva quali capri espiatori per problemi inesistenti.

Allora è meglio che non vinca nessuno, che le elezioni portino a un pareggio generale e che non si formi nessun governo. Meglio star fermi che buttarsi nel burrone.

In ogni caso, se avete dubbi su chi votare: se siete omosessuali, lesbiche, trans, bisessuali, se avete amici, parenti, conoscenti omosessuali, se simpatizzate e credete che l’uguaglianza tra cittadini non sia un concetto vuoto ma il fondamento dello stato civile votate a sinistra, votate Pd o una lista ad esso collegata. Non ci sono alternative, non c’è altro modo per impedire la catastrofe di un Parlamento di incapaci che sceglieranno un Governo che demolirà quei pochi, timidi diritti per i quali abbiamo festeggiato solo pochi mesi fa. Meglio cercare di pareggiare, che perdere miseramente nella competizione elettorale più squallida di tutti i tempi.

 

 

Annunci

Agesci, cosa accade se un capo scout sposa il suo compagno?

Cosa accade se un capo scout si unisce civilmente con il suo compagno? Se l’omosessualità esce dalla sfera privatissima e diventa pubblica? Che scopre il vaso di pandora e rivela al mondo l’inadeguatezza imbarazzante di un’associazione, l’Agesci che non sa scegliere tra il bene dei ragazzi e il favore della Chiesa. Continua a leggere “Agesci, cosa accade se un capo scout sposa il suo compagno?”

In Cecenia sono tutti maschi 

E’ la storia che ritorna, quella che in tanti non conoscono e che citano spesso a sproposito. La storia di una persecuzione fatta di arresti, torture, violenze sistematiche, campi di concentramento. Le notizie che giungono dalla Cecenia sulla violenza alle persone omosessuali ci riportano al periodo fascista, così dannatamente simile nell’avversione e nella stupida convinzione che l’omosessualità si possa estirpare. Continua a leggere “In Cecenia sono tutti maschi “

Caso Unar, come costruire notizie false a tavolino

Le notizie si possono costruire a tavolino? Certamente, soprattutto se c’è una regia dietro e se il lancio viene affidato a chi non è giornalista e quindi non deve sottostare ad alcuna deontologia e alla verifica delle fonti.

Le Iene ha attaccato l’ufficio antidiscriminazione UNAR mandando in onda un servizio tendenzioso costruito ad arte per indignare l’opinione pubblica. Continua a leggere “Caso Unar, come costruire notizie false a tavolino”

Se omosessuale non è naturale

Ci risiamo. Le Sentinelle in piedi, in cerca di visibilità visto che nessun giornale serio si occupa più di loro, decidono di manifestare a Sanremo. Motivo della loro impietrita ostentazione di fissità neuronale è la presenza al Festival di due ospiti troppo gay e con troppo senso paterno secondo i loro standard: Ricky Martin e Tiziano Ferro.

Ricky Martin ha due figli avuti ricorrendo alla pratica (legale in Usa e Canada) della GPA e Tiziano Ferro è colpevole di aver dichiarato che gli piacerebbe diventare padre.

Il loro comunicato è un delirio di inesattezze, insulti alla minoranza già discriminata LGBT e fandonie circa la pratica della gestazione per altri.

Se volete bearvi di una lettura fantasy della ricostruzione delle ultime edizioni del Festival godetevi il testo nel quale le Sentinelle annunciano la manifestazione sabato 11 febbraio.
Come leggere il Signore degli anelli dal punto di vista di Sauron. Continua a leggere “Se omosessuale non è naturale”

Se la Lega non vuole rispettare la legge

Una sindaca leghista fa il suo dovere e celebra l’unione civile tra due uomini, il suo partito minaccia di cacciarla. Non sia mai che si rispetti la legge e si riconosca dignità a una coppia omosessuale, vero?

lega_-scardellato
Maria Scardellato, sindaca di Oderzo

È accaduto qualche giorno fa a Oderzo, in provincia di Treviso. Maria Scardellato eletta pochi mesi fa tra le fila del Carroccio ha fatto semplicemente ciò che ogni rappresentante locale dello Stato dovrebbe fare, eseguire le disposizioni della legge italiana. Siccome in questo Paese però tutto vale tutto, la dignità delle persone può essere calpestata impunemente e chiunque può permettersi di dire che alcuni cittadini, solo in virtù del loro orientamento sessuale, devono essere discriminati. Pertanto, chi non mette in atto la discriminazione non rispettando la legge andrà incontro a ritorsioni. Continua a leggere “Se la Lega non vuole rispettare la legge”

Unioni civili, com’è rivoluzionaria la felicità 

Ora che vi potete sposare anche voi farete il grande passo?

Questa frase, pronunciata una mattina nell’ascensore che conduce in ufficio mi ha spiazzato. A dirla con un largo sorriso è un collega con il quale ho poca confidenza, padre di due figli, credente.

Giangi, se ti sposi voglio assolutamente essere presente…

Stavolta a farmi sgranare gli occhi è una collega impegnata da sempre in parrocchia, così casa e chiesa da avere anche un’immagine di Padre Pio sulla scrivania. Da quando l’istituto delle unioni civili è stato approvato con il clamore mediatico che abbiamo vissuto, sono stato sconvolto dalla reazione delle persone comuni, gente che credevo lontana e disinteressata, quando non ostile. Continua a leggere “Unioni civili, com’è rivoluzionaria la felicità “

Ho visto che il futuro non fa affatto paura

Ho visto la gente in piazza, oggi. Quella di Bologna, tanta e variopinta. Ragazzi, tanti ragazzi, ma non solo loro, perché sarebbe facile pensare che la battaglia per l’uguaglianza dei diritti civili riguardi solo i ventenni. Ho visto quarantenni, cinquantenni, anziani, tutti cittadini con il desiderio di condividere l’urlo di una ferita aperta da troppo tempo e che è diventata cronica infezione.

20160123_160036-1Ho visto semplicità, gioia di ritrovarsi senza necessariamente gli orpelli di un palco dal quale cercare visibilità mediatica. C’erano tutti quelli che contano all’evento SvegliatItalia di Piazza Nettuno, ma erano tra la folla, perché non è più tempo di appendere cappelli al chiodo dell’interesse politico, ora è necessario stringersi e urlare a chi sarà a Palazzo Madama a decidere per noi che ci siamo, esistiamo e non smetteremo mai di pretendere ciò che ci è dovuto come cittadini italiani ed europei. Continua a leggere “Ho visto che il futuro non fa affatto paura”

Gli inganni delle Sentinelle in piedi

Domenica pomeriggio, Bologna, piazza San Domenico. E’ quella antistante l’omonimo convento, decentrata e nascosta, poco conosciuta anche dai bolognesi, perché non è di passaggio. Qui le Sentinelle in piedi potranno manifestare col consueto modus operandi senza correre il rischio che qualcuno ricordi loro di essere individui ridicoli e bugiardi.

Sì, bugiardi, perché il manifesto dei loro intenti è un concentrato di balle clamorose che possono conquistare solo un ignorante, uno in malafede o qualcuno che ha la perversione di leggere un libro scomodamente in piedi in piazza in inverno.

Ecco il manifesto dell’evento, sulla falsariga di tutti gli altri che infestano il Paese:

Continua a leggere “Gli inganni delle Sentinelle in piedi”

Noi che ci ostiniamo a chiamarlo amore

Noi omosessuali non ci innamoriamo come tutti quanti, perché è impossibile che un uomo ami un altro uomo come può amare una donna. O che una donna trovi in un’altra donna ciò che le può dare solamente un uomo. Noi omosessuali siamo diversi dalla maggioranza di cittadini eterosessuali che costruisce una famiglia trovando una compagna e mettendo al mondo dei figli. Siamo irrispettosi della regola naturale, diversi, spesso strani, affetti da un morbo sconosciuto che fa di noi esseri sbagliati, certamente da non incoraggiare tutelando per legge quel sentimento che ci ostiniamo a chiamare amore. Continua a leggere “Noi che ci ostiniamo a chiamarlo amore”