Non vergognarti mai (di ciò che sei e di rispondere con un pugno)

Sono passati 24 anni da quando quello mi piantò una chiave in una spalla e io reagii per la prima volta rendendogli pan per focaccia. Niente armi, perchè sono da vigliacchi, ma solo con le mani. Avevo tredici anni, abitavo in un palazzo enorme di un quartiere popolare. Uno di quei condomini con tanti portoni, un cortile dove scorrazzare e ragazzi di ogni età che giocano a calcio d’estate, vanno in bici, formano bande rivali, si fanno la guerra.

Erano la fine degli anni ’80 e io ero considerato un frocio. Avevo già la consapevolezza di essere omosessuale, non sapevo cosa ciò avrebbe comportato per il mio futuro e mi vergognavo se solo qualcuno poteva mettere in dubbio il mio essere come tutti gli altri. Facevo di tutto per nascondere queste emozioni perverse, la struggente e incontrollabile attrazione verso quei ragazzi più grandi che facevano gruppo da soli e io potevo solo ammirare da lontano. Li guardavo di nascosto, mentre vagavo con la mia Bmx rossa, fratellino al seguito, giocando con pochi ragazzini considerati sfigati da tutti. D’estate, quando ci ritrovavamo tutti in cortile, ero innamorato dei loro peli sulle gambe, di quella barba da sedicenni che qualcuno più sviluppato già si radeva settimanalmente e dei muscoli sulle braccia e sul torace che io, ancora bambino vedevo come irraggiungibili.

Continua a leggere “Non vergognarti mai (di ciò che sei e di rispondere con un pugno)”

Annunci