#5 coltellate: LEX

Sono passati un po’ di mesi dall’ultimo racconto pubblicato del ciclo #5coltellate ed è con colpevole ritardo che torno a pubblicare una storia su Chiesa, sacerdozio e omosessualità.

E’ stato difficile scrivere questo racconto. E’ per questo che ci ho messo tanto a pubblicarlo, ero indeciso sul testo, su alcune scelte stilistiche e più volte ho premuto i tasti “seleziona tutto” e “canc”. Quello che alla fine è venuto fuori è un ritratto spero accurato e credibile di un ragazzo che esiste davvero, perché anche questa storia come le altre di #5 coltellate sono vere, anche se ho cambiato nomi, situazioni e luoghi.

Come per il precedente episodio questa copertina è stata realizzata da @Fabiowhat, che ringrazio ancora una volta.

Il racconto è leggibile direttamente sul blog continuando la lettura, ma visto che è un po’ lungo vi consiglio di scaricare i file .epub o .pdf che troverete di seguito per una lettura più comoda sui vostri dispositivi. (se ci sono problemi con i file segnalatemelo, grazie!)

Sono graditi commenti qui, su Twitter o su tutti i social dove bazzico quotidianamente. Continua a leggere “#5 coltellate: LEX”

Annunci

Rassicurami, pentiti, redimiti e lasciati discriminare

La cosa che più mi sconvolge è che la Madre Superiore Eugenia è convinta che un insegnante gay non possa stare a contatto coi bambini. Deve tutelarli, dice lei. Deve rendere conto alle famiglie, continua. Non si può correre il rischio così grande di lasciare degli innocenti in balia di… di cosa? Ecco cos’è l’omofobia: un pregiudizio che diventa paura e dunque discriminazione, la diversità (presunta) che atterrisce perché se sei diverso da me devi per forza essere un pericolo per me e chi mi è intorno.

american-horror-story-asylum-jessica-langeIl caso è quello di Trento. In una scuola privata parificata diretta dalle suore, un’insegnante non vedrà il suo contratto rinnovato dopo cinque anni di fruttuosa collaborazione, in quanto ritenuta lesbica. Le maledette voci di corridoio hanno portato la madre superiora a convocare la professoressa , a farle i complimenti per il lavoro svolto e poi a chiederle se è vero ciò che si dice in giro di lei, cioè che è omosessuale e addirittura vive con un’altra donna. Continua a leggere “Rassicurami, pentiti, redimiti e lasciati discriminare”

Il brutto e inutile mondo gay che verrà

Scrivere un post per presentarmi, dire perchè voglio aprire un blog e che messaggio voglio dare al mondo o buttarmi nella mischia direttamente?

A voi frega davvero chi sono (comunque mi trovate su Twitter a fa’ casino) o magari leggere un contributo ad un argomento? Ecco dai, lasciamo da parte le presentazioni ed entriamo nel vivo. Sono stato colpito da un articolo pubblicato sul blog di Costanza Miriano, ipercattolica fautrice della donna sottomessa all’uomo, di un sacerdote che parla di pesci spada per dimostrare quanto sono brutti e cattivi i gay. Ecco il modo migliore per inaugurare il mio blog, rispondergli da qui (che la signora Miriano censura i commenti non in linea con l’alto profilo omofobo del suo blog). Leggete il suo post (lo so che fate aumentare il numero di visualizzazioni, ma vi tocca farlo), poi tornate qui che lo commentiamo insieme. Continua a leggere “Il brutto e inutile mondo gay che verrà”