Discriminazione di Stato: “Aboliremo le unioni civili”

Sono usciti allo scoperto per cavalcare gli slogan dei cattofascisti e ingraziarsi i voti dei tanti cittadini che in questi anni hanno spaventato a suon di bufale.

Il centrodestra ha gettato la maschera. Dopo le dichiarazioni della fondamentalista cattolica Roccella e quelle di Meloni e Salvini, anche Berlusconi ha detto che metterà mano alle unioni civili.

Il fiore all’occhiello della legislatura uscente, la grande conquista dei diritti da parte dei cittadini omosessuali grazie a persone coraggiose e caparbie come Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice, potrebbe essere spazzata via per fare un favore alle gerarchie vaticane, ai fascisti ringazzulliti e agli analfabeti funzionali.

E’ sconcertante solo che utilizzino i diritti civili di una minoranza (che non è uguaglianza, ma almeno ci si avvicina) per fare propaganda. In un Paese sano, con valori quali il rispetto e l’uguaglianza chi osasse annunciare la reintroduzione della discriminazione di Stato verrebbe linciato, costretto a rinunciare alla sua candidatura con tanto di scuse. Da queste parti, invece, è probabile che la radicalizzazione delle opinioni trovando nella comunità LGBT un capro espiatorio per ogni problema farà da volano per la conquista della maggioranza parlamentare.

Siamo alle prese con una destra finta come la faccia del suo leader, un condannato che non può essere candidato e che non potrà diventare Capo del Governo. Un leader che ha trascinato il Paese nella peggiore crisi economica dal 1929 affermando con noncuranza ma quale crisi che i ristoranti sono tutti pieni!. Lui, che insieme ai suoi sgherri vuole far credere che l’Italia sia un far west in balia di bande di beduini criminali ospitati dalla Presidente della Camera Boldrini e dal Pd. Una stronzata talmente colossale che meriterebbe una pernacchia e invece trova consensi in frange ampie di italiani con la memoria più corta di un cardellino, beoti rincoglioniti dalla peggior cronaca di Retequattro, disposti a credere a ogni balla idiota letta sui social piuttosto che a quello che vivono quotidianamente.

Ma la realtà è un’opinione ed è più facile credere al pericolo gender, spauracchio buono per tutte le stagioni, invenzione dei cattofascisti che lo sventolano come la bandiera nera dei pirati all’assalto del buon senso. E la minaccia dell’ideologia gender funziona sempre, perché non esistendo è sfuggente e adattabile a ogni cosa.

Non si tratta semplicemente di essere ipocriti. E’ facile dire che Berlusconi (due matrimoni falliti, cene “eleganti” con minorenni e frequentazioni discutibili), Salvini (matrimonio fallito, convivenza fallita con figlio) e Meloni (figlio fuori dal matrimonio, convivenza) non sono certamente campioni della famiglia tradizionale di cui vorrebbero essere alfieri. Il punto non è la loro ipocrisia, che è evidente quanto ridicola. Il problema è proprio il coraggio spudorato di sostenere che una minoranza di cittadini debba essere discriminata e sia giusto che abbia meno diritti in virtù del suo orientamento sessuale.

Lo scandalo è questo, non la loro vita privata, che testimonia solo quanto la legge sul divorzio sia necessaria e intoccabile. Come puoi basare la tua azione di governo, gli impegni che buoi assumerti sull’abolire ciò che di buono hanno fatto gli altri prima di te? Stai vendendo fumo, anzi, gas tossici.

E la gente, quella gente che è pronta a votarli, è desiderosa di affidarsi a qualcuno che prometta la luna. Non gliene importa niente se è una promessa che puzza di marcio e se si dovrà passare sopra al cadavere degli altri. “Ci vuole pulizia”, “Quando c’era lui”, “Ha fatto anche cose buone”. C’è una tragica voglia di Mussolini che impesta l’aria e rende la politica irrespirabile. Se poi ci si mette anche la sinistra a candidare nemici della civiltà come Casini al posto del bravo Lo Giudice, con puntigli da bambini incapaci di fare una coalizione credibile, allora davvero c’è solo da sperare nel caos totale.

E sì, perché chiunque vinca si finisce male. Se vince il centrodestra ci ritroviamo i più corrotti, ipocriti, squallidi al potere. Se vince il Movimento5Stelle avremo a che fare con il festival degli incapaci, elefanti in negozi di cristallo che affermano di tutto e il contrario di tutto, che faranno danni su danni senza neppure rendersene conto.
E il centrosinistra, sempre più centro e meno sinistra è riuscito nell’incredibile risultato di bruciare la credibilità ottenuta con una seppure timida rinascita economica, troppo impegnata a litigare tra vecchi matusa e giovani rampanti per rendersi conto che il Paese allo sbando li sceglieva quali capri espiatori per problemi inesistenti.

Allora è meglio che non vinca nessuno, che le elezioni portino a un pareggio generale e che non si formi nessun governo. Meglio star fermi che buttarsi nel burrone.

In ogni caso, se avete dubbi su chi votare: se siete omosessuali, lesbiche, trans, bisessuali, se avete amici, parenti, conoscenti omosessuali, se simpatizzate e credete che l’uguaglianza tra cittadini non sia un concetto vuoto ma il fondamento dello stato civile votate a sinistra, votate Pd o una lista ad esso collegata. Non ci sono alternative, non c’è altro modo per impedire la catastrofe di un Parlamento di incapaci che sceglieranno un Governo che demolirà quei pochi, timidi diritti per i quali abbiamo festeggiato solo pochi mesi fa. Meglio cercare di pareggiare, che perdere miseramente nella competizione elettorale più squallida di tutti i tempi.

 

 

Annunci

Come si costruisce una bufala omofoba e si istiga alla violenza

La strategia è sempre la stessa: insinuare, insultare, spaventare. È facile quando il tuo target di riferimento non ha gli strumenti per capire dove finisce la verità e inizia la calunnia. E così, testate lontane parenti acquisite del giornalismo, vanno a caccia di occasioni per spargere odio e diffondere falsi allarmi.

Vi racconto uno degli ultimi casi, fulgido esempio di come gli estremisti cattolici nascondono dietro una croce i loro comportamenti squadristi. Continua a leggere “Come si costruisce una bufala omofoba e si istiga alla violenza”

Se omosessuale non è naturale

Ci risiamo. Le Sentinelle in piedi, in cerca di visibilità visto che nessun giornale serio si occupa più di loro, decidono di manifestare a Sanremo. Motivo della loro impietrita ostentazione di fissità neuronale è la presenza al Festival di due ospiti troppo gay e con troppo senso paterno secondo i loro standard: Ricky Martin e Tiziano Ferro.

Ricky Martin ha due figli avuti ricorrendo alla pratica (legale in Usa e Canada) della GPA e Tiziano Ferro è colpevole di aver dichiarato che gli piacerebbe diventare padre.

Il loro comunicato è un delirio di inesattezze, insulti alla minoranza già discriminata LGBT e fandonie circa la pratica della gestazione per altri.

Se volete bearvi di una lettura fantasy della ricostruzione delle ultime edizioni del Festival godetevi il testo nel quale le Sentinelle annunciano la manifestazione sabato 11 febbraio.
Come leggere il Signore degli anelli dal punto di vista di Sauron. Continua a leggere “Se omosessuale non è naturale”

Da Stato Civile a stato clericale: l’alibi di dio per insultare e minacciare

Ci vuole un gran coraggio ad affermare che un programma come Stato Civile, in onda, in replica su RaiTre intorno alle 20.10 voglia indottrinare gli spettatori beoti della tv italiana.

Ci vuole una certa avventatezza a dichiarare che la Rai è ostaggio delle lobby gay, le quali detterebbero legge e quindi imporrebbero un programma di mezz’ora nel quale mostrare la storia di alcune coppie omosessuali alle prese con la celebrazione delle loro unioni civili.

Ci vuole spregiudicatezza ad avviare una raccolta firma per bloccare il programma (cinque puntate in replica, quindi praticamente terminato) ed imporre la visione della famiglia tradizionale, come già avviene per il 99% della programmazione di show, fiction, giochi.  Continua a leggere “Da Stato Civile a stato clericale: l’alibi di dio per insultare e minacciare”

Cattofascisti: ma chi paga?

Hanno imparato ad usare la rete e lo sanno fare meglio di noi. I cattolici fondamentalisti hanno studiato, si sono guardati intorno e si sono dati da fare. Hanno invaso i social, rimpallano i contenuti di quei loro quattro, cinque siti amici e sono riusciti a fare lobby, ciò che il movimento LGBT pare non saper più fare.

Non è mica un caso se personaggi ambigui hanno trovato notorietà e spazio anche nei salotti televisivi più popolari dai quali insultano senza vergogna e senza contraddittorio. Hanno stretto alleanze politiche, si muovono in gruppo e sono solidali. Riescono a rendere più virali di quel che pensiamo i loro contenuti, perché raggiungono le famiglie nelle parrocchie (e in Italia, lo sappiamo, il catechismo lo frequentano praticamente tutti i bambini), a scuola (l’ora di religione con insegnanti scelti dal vescovo ma pagati da noi), nelle associazioni (la maggior parte, in Italia sono di ispirazione cattolica se non clericali).
Quella parte importante di solidarietà sociale che lo Stato ha delegato alla Chiesa attraverso la Caritas, il volontariato, l’assistenza, le iniziative di intrattenimento, si sta ritorcendo contro di noi.

Continua a leggere “Cattofascisti: ma chi paga?”

Non fermerai il vento con le mani

Tre vittorie in un manipolo di ore. Tre buone notizie in questa torrida estate dove addirittura anche Mario Adinolfi ha smesso di tenere incontri nella parrocchie per vendere il suo libro. Fa troppo caldo ed è meglio stare al fresco della redazioncina del quotidiano in bit La Croce a scrivere post per rinfocolare la paura dei suoi ignoranti e saccenti seguaci.
Continua a leggere “Non fermerai il vento con le mani”

#FamilyDay: Mamma Paura e sua figlia Cattiveria

Ma noi non ce l’abbiamo con i gay, io poi ho tanti amici gay.

Ecco un “omosessuale non gay” che ci racconta perchè il DDL Cirinnà non fa bene agli omosessuali per primi.

Voi gay state pretendendo che la società riconosca come diritti i vostri desideri.

Cirinnà trasforma i desideri in diritti, conferendo riconoscimento giuridico a QUALSIASI forma di amore fra due persone.

La Cirinnà va fermata non certo per cattiveria nei confronti delle persone omosessuali.

E’ in aperto contrasto ad esempio, con l’art. 29 della Costituzione.

Se non è ancora passata, perché la Cirinnà è già applicata nelle scuole?

Difendiamo solo i nostri figli.

Giù le mani dai bambini.

Questo è il tentativo delle lobby gay di instaurare la dittatura del pensiero unico.

Li mettiamo a lavorare nei campi, vedi come gli passano certe manie.
Continua a leggere “#FamilyDay: Mamma Paura e sua figlia Cattiveria”

Ti spiegherò perché sei un assassino


Guarda gli occhi di Leelah Alcorn. Non hanno sesso. Non potresti dire se quelle castagne marroni appartengono ad un maschio o una femmina a meno di non guardare tutto il viso. E anche allora avresti qualche dubbio, perchè Leelah ha una faccia dolce, con i lineamenti indecisi tipici degli adolescenti.

Leelah

Leelah si sentiva una ragazza fin da quando aveva 4 anni. Geneticamente era maschio, con le caratteristiche genitali e fisiche nelle quali non si riconosceva e che desiderava cambiare, per “transitare” verso la fisicità femminile corrispondente alla identità che sentiva sua.
Leelah anagraficamente era Joshua e uso il passato perché ha scelto di ammazzarsi in un modo atroce lo scorso 28 dicembre, si è gettata sotto un enorme tir che correva a gran velocità lungo un’autostrada dell’Ohio negli Usa. Aveva solo 17 anni e su Tumblr, in una lettera lucida e drammatica ha rivelato il perché ha scelto di farla finita.

La sua morte è imputabile alla fede in dio. Quella dietro alla quale anche tu ti nascondi. L’ennesimo suicidio di un ragazzino GLBT è colpa tua.
Continua a leggere “Ti spiegherò perché sei un assassino”

Shitstorm, lanci la merda e nascondi la mano che puzza

Non mi era ancora capitato di essere vittima di un troll. Può succedere a tutti quelli che bazzicano sui social, ma è fastidioso soprattutto se il disturbatore non si limita a insultarti in quanto omosessuale, ma copia il tuo account twitter con tanto di foto e nome simile per molestare i tuoi amici e personaggi pubblici al solo scopo di infangarti.

Il problema non sono gli insulti, sono abbastanza grandicello da farmeli scivolare addosso e nel caso so rispondere a dovere. Un “frocio” mi fa ridere, ma se ti spacci per me le cose cambiano. Il furto d’identità è un reato e oltre a segnalare il troll sul social media mi sono rivolto alle autorità competenti.

Il ragionamento che condivido è sulla genesi di questo tipo di violenza. A me sembra l’espressione più concreta dell’odio omofobico che negli ultimi anni è diffuso dalla compagine cattolica oltranzista, la quale ne fa orgogliosamente un vessillo. Continua a leggere “Shitstorm, lanci la merda e nascondi la mano che puzza”

Il distopico carnefice che si mascherò da vittima

Avete impegni per il 18 settembre? Vi va di assistere ad uno spettacolo grottesco, venato di orrore, inquietudine e che poggia sul ribaltamento della realtà? Tipo una rappresentazione di 1984 di Orwell o La fattoria degli animali, che mette in scena un mondo distopico dove tutto è il contrario di tutto.

Se avete tempo, fate un salto a Roma, al Teatro Don Orione, per partecipare al Convegno sulle “Teorie di genere”.

Ho visto in rete il manifestino che trovate in testata al post. E ho riso. Ma tra le lacrime, perché è il classico esempio di omofobia travestita da vittimismo. La paura, l’avversione, il disgusto verso l’omosessualità si maschera da difesa della famiglia tradizionale dai pericolosi nemici “gender“.

Continua a leggere “Il distopico carnefice che si mascherò da vittima”